Il Club Alpino Italiano: un’associazione con una storia di oltre 150 anni!

( 150° Anniversario della Fondazione del Club Alpino Italiano )

Costituito il 23 ottobre 1863 a Torino – anche se si può affermare che la sua fondazione ideale sia avvenuta il 12 agosto dello stesso anno, durante la celeberrima salita al Monviso ad opera di Quintino Sella, Giovanni Barracco, Paolo e Giacinto di Saint Robert – il Club Alpino Italiano è una libera associazione nazionale che, come recita l’articolo 1 del suo Statuto, “ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale”.

( Effigie di Quintino Sella esposta all’ingresso della Sede Centrale del CAI )

( Il francobollo con cui viene celebrato il 150° Anniversario del Club Alpino Italiano )

In particolare, in applicazione della legge 24 dicembre 1985, n. 776 relativa a nuove disposizioni sul Club Alpino Italiano, l’Associazione provvede, a favore sia dei propri Soci sia di altri e nell’ambito delle facoltà previste dallo Statuto:

  • alla diffusione della frequentazione della montagna e all’organizzazione di iniziative alpinistiche, escursionistiche e speleologiche, capillarmente diffuse sul territorio nazionale;
  • all’organizzazione ed alla gestione di corsi d’addestramento per le attività alpinistiche, sci-alpinistiche, escursionistiche, speleologiche, naturalistiche volti a promuovere una sicura frequentazione della montagna;
  • alla formazione di 21 diverse figure di titolati (istruttori, accompagnatori ed operatori), necessarie allo svolgimento delle attività citate;
  • al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione di sentieri, opere alpine e attrezzature alpinistiche;
  • alla realizzazione, alla manutenzione ed alla gestione dei rifugi alpini e dei bivacchi d’alta quota di proprietà del Club Alpino Italiano e delle singole Sezioni – quantificati ad oggi in 749 strutture per un totale di 21.426 posti letto – fissandone i criteri ed i mezzi;
  • all’organizzazione, tramite il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), struttura operativa del CAI, di idonee iniziative tecniche per la vigilanza e la prevenzione degli infortuni nell’esercizio delle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche, per il soccorso degli infortunati o dei pericolanti e per il recupero dei caduti;
  • alla promozione di attività scientifiche e didattiche per la conoscenza di ogni aspetto dell’ambiente montano nonché di ogni iniziativa idonea alla protezione ed alla valorizzazione dell’ambiente montano nazionale, anche attraverso l’operato di organi tecnici nazionali e territoriali;
  • alla promozione di iniziative di formazione di tipo etico-culturale, di studi dedicati alla diffusione della conoscenza dell’ambiente montano e delle sue genti nei suoi molteplici aspetti, della fotografia e della cinematografia di montagna, della conservazione della cultura alpina.

L’entusiasmo del grande apporto volontaristico che lo contraddistingue nel panorama associazionistico italiano ha permesso di concretizzare nel tempo un ampio ventaglio di realizzazioni a favore della montagna e dei suoi frequentatori quali rifugi, bivacchi, sentieri, rimboschimenti, opere sociali.

( Tracciamento, realizzazione e manutenzione di sentieri )

( Realizzazione, manutenzione e gestione dei rifugi alpini e dei bivacchi )

Per fare ciò, la Sottosezione CAI di Celano, punta alla collaborazione di enti ed istituzioni locali (Ente Parco, Protezione Civile, Comune di Celano, Associazione Alpini, ecc.) ed al coinvolgimento delle aziende locali impegnate nei settori turistico e ricreativo, delle associazioni di musica e spettacolo della zona, della popolazione residente tutta ed in particolare di quei soggetti in possesso di attitudini e conoscenze ormai estinte o in via di estinzione.

Essa rappresenta per Celano ed i celanesi un traguardo importante, costituisce un premio per chi coltiva da sempre la passione per la montagna e diventa l’occasione per avvicinare sempre più persone alla natura e al viver sano.

Per sapere tutto su L’Associazione…

Veniamo da Lontano

E’ finito il tempo in cui chi ti incontrava per strada con lo zaino in spalla ti salutava con un sorrisino ironico, come a dire “ma dove credete di andare?”…

Consiglio Direttivo

Nella prima assemblea dei soci tenutasi presso la sede del locale Gruppo Alpini di Celano in data 23 luglio 2008, è stato eletto per acclamazione il Consiglio Direttivo…

Diventa Socio

Iscriversi ad una delle Sezioni del Club Alpino Italiano è semplicissimo e dà diritto a molte agevolazioni e benefici…

Regolamenti

«Lo stemma del Club alpino italiano è costituito da uno scudo gotico antico d’azzurro alla stella a cinque raggi d’argento orlato dello stesso…»

Statuti

«Il CAI ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale…»